Mindful Eating

Riscoprire una relazione gioiosa e salutare con il cibo

iEAT, Mindful Eating

Pratiche e principi della mindfulness e di mindful eating

Mindful eating ci insegna a coltivare progressivamente l’attenzione ai segnali del corpo in relazione al bisogno di cibo, permettendoci di esplorare e riconoscere la fame, la sazietà, per dare a questi segnali il giusto valore nel momento in cui si presentano.

Questo percorso integra pratiche e principi della mindfulness e di mindful eating.
Si apprende ad esplorare il rapporto alimentazione e corpo attraverso la modalità della consapevolezza.
iEAT aiuta a sviluppare una relazione salutare e gioiosa con il cibo, basata sull’ascolto dei segnali interni del corpo, sull’uso dei cinque sensi, sulle emozioni, sui pensieri e sullo utilizzo della compassione e della fiducia nel corpo.

Prendiamo un mandarino, lo osserviamo con attenzione intenzionale, la buccia, il colore il grado di ruvidezza della sua buccia, il suo peso nella nostra mano.
Lo sbucciamo lentamente, soffermandoci sul suo profumo, con attenzione aperta alla novità, poniamo l'attenzione sul profumo che si sprigiona non appena incidiamo con le dita la buccia lucida.

Cosa succede dentro di noi?
Fermiamo l’attenzione ai segnali che provengono dalla nostra bocca, dal nostro corpo. Gli occhi ci permettono di guardarlo nei suoi diversi aspetti mentre tutti i nostri sensi partecipano.
Portiamo uno spicchio alle labbra, lo spingiamo dentro la bocca.

Ascoltiamo i segnali dello stomaco

Quanto si sente pieno?
Come riesco a capire il livello di pienezza dello stomaco?

Sottoporsi ad una dieta è difficile ma ancor più difficile è mantenere nel tempo il peso raggiunto.
la Mindfulness da sola non fa dimagrire ma permette di apprendere un rapporto più sano con il cibo, con il corpo attraverso la consapevolezza dei bisogni e la loro accettazione.

Il percorso iEAT di Mindful Eating, nel trattamento dei disturbi alimentari, si inserisce nell'ottica di una maggiore consapevolezza e ascolto del corpo, anche in associazione agli approcci tradizionali.

Gli approcci Mindfulness-based risultano associati ad una riduzione nel consumo di cibo, a scelte alimentari più sane e consapevoli nelle persone con obesità, binge eating disorder, bulimia.

Le persone che soffrono di un disturbo alimentare hanno la tendenza a confondere le sensazioni fisiche con le emozioni. Se l'esperienza emotiva negativa è vissuta come intollerabile l'assunzione di cibo è un tentativo per rendere il dolore psichico più accettabile, meno pervasivo.

Mindful eating ci insegna a coltivare progressivamente l’attenzione ai segnali del corpo in relazione al bisogno di cibo, permettendoci di esplorare e riconoscere la fame, la sazietà, per dare a questi segnali il giusto valore nel momento in cui si presentano.

La Mindfulness permette alla persona di sviluppare un maggiore livello di consapevolezza e di accettazione, aiuta a ridurre automatismi per fare scelte nel rispetto del proprio corpo, quindi nella direzione della salute e del benessere psicofisico.

Questo percorso aiuta a riconoscere i segnali del corpo e a differenziarli dai segnali emotivi, quali la tristezza, la solitudine, il vuoto, la rabbia.

Si propongono sia percorsi di gruppo sia percorsi individuali.

Dott.ssa Mariangela Giustetto

ISCRIVITI AL CORSO DI PINEROLO
che partirà da Sabato 27 Gennaio dalle ore 09.30
per otto Sabati consecutivi.

Contattami o richiedi informazioni

 
Dottoressa Giustetto Mariangela

Telefono
+39 338 892 13 99

Oppure cerca il mio profilo su

Linkedin







PROSSIMAMENTE UN CORSO A TORINO

Aree di intervento dello Studio di Psicologia e Psicoterapia