Tag: problemi di coppia

Violenza psicologica, violenza fisica nelle relazioni. Allontanarsi può essere difficile

Lucia mi ha chiesto aiuto, ma  la prima volta che ci  incontriamo è in evidente difficoltà, le parole fanno fatica ad uscire, poi con lo sguardo basso, mi dice ” Come faccio a fidarmi? Vorrei chiedere aiuto,…..capire come mai mi sono ritrovata in quella relazione, ma chi mi crede?, faccio fatica a pensare che qualcuno mi stia ad ascoltare, che qualcuno possa capire, mi vergogno…..” Inizia così a raccontarsi, un po’ alla volta, quasi a sondare se si può fidare, ha paura di essere giudicata.

Non è la sola a sentirsi così, in fondo tutte, tutti, pensiamo di dover essere forti, di dover rispondere ad un modello nel quale la tristezza, la sofferenza non sono previste. Per questo modello se ti capita di incontrare la sofferenza sei sbagliata, ma è il modello che è sbagliato, la sofferenza fa parte della vita, tutti hanno risorse e fragilità, l’importante è trovare un giusto equilibrio.

Ci sono importanti fattori culturali che si intrecciano con importanti fattori psicologici, con la storia di vita della donna a partire dalla relazione con gli oggetti primari, ovvero con le figure genitoriali.

E’ la relazione tra il prendersi cura e il senso di colpa a giocare un ruolo fondamentale. Il partner è un altro soggetto affidato alla cura della donna, lei si sente responsabile del suo malessere o del suo benessere, quindi in questa dinamica relazionale la violenza è percepita come malessere di lui.

Proprio il ruolo di chi si prende cura, pone la donna in una posizione di dipendenza e la porta ad attribuirsi la colpa fino a spingerla a tentare  in ogni modo di rimediare.

La donna tollera così la violenza, arrivando a pensare di meritarsela.

Ascoltare i racconti delle donne che stanno in relazioni cariche di sofferenza, può generare nell’interlocutore non adeguatamente formato, negli amici che non sempre conoscono le dinamiche delle relazioni affettive cariche di sofferenza, dei  sentimenti di fastidio, rabbia, anche disprezzo. E’ difficile capire come si possa accettare di stare male, di essere costantemente oggetto di violenza psicologica con attacchi verbali carichi di svalutazione, insulti…. fino alla violenza fisica.

Qualcuno di fronte a situazioni così cariche di sofferenza afferma: “se ti fa stare male, se ti picchia, insulta, umilia, chi te lo fa fare di restare? puoi andartene. qualcuno va oltre e giunge a pensare se resti è perché non vuoi andartene…..”

Il senso di colpa, il dovere di cura nei confronti dell’altro non delimitano il comportamento abusante, in quanto non può esserci un efficace contrapposizione tra l’affermazione del proprio diritto e la riduzione dell’abuso di potere da parte dell’altro.

C’è una collaborazione attiva alla patologia della coppia, una collusione; lei crede di poter controllare il maltrattamento, la violenza, in un circolo che non finisce mai, arriva a consumare ogni risorsa per andare incontro a lui e ogni volta che viene attaccata si sente sempre più incapace, senza valore, disperata, colpevole, sempre più distante dalle relazioni sociali, si vergogna della sua inermità, teme di non essere compresa, sopporta in silenzio, la sofferenza chiusa dentro di lei, che si ritrova sempre più legata a lui.

Lei concentra su di lui, sulle sue aspettative di benessere così lei percepisce una sensazione di apparente benessere se lui è felice, si vive in funzione di lui.

Il suo bisogno è messo in un angolo della mente, le sue energie, i suoi pensieri sono diretti ai piccoli e grandi gesti che possono farlo stare bene, renderlo sereno, così anche lei potrà essere serena.

La conseguenza è il ritiro dalle relazioni intime, c’è il bisogno di allontanare i ricordi traumatici che si teme di rivivere nelle relazioni sociali.

La donna si trova in un costante stato di oscillazione tra ritiro e attaccamento ansioso,

si sente sporca, impotente, colpevole, disumana e non amabile.

Dopo il trauma lei guarda sempre al suo comportamento con sentimenti di colpa e di vergogna.

Questo spiega il silenzio sulla violenza patita anche a distanza di tempo.

Infatti può passare molto tempo prima che una donna chieda aiuto, ciascuna ha i suoi tempi, tempi che vanno capiti, rispettati, ciascuna persona è differente dall’altra.  Solo chi ha attraversato certe esperienze può sapere come si sta, la fatica, il dolore che si prova anche solo ripensandoci per pochi istanti.

Rivolgersi ad uno psicologo è un passaggio importante, non si è fragili quando si chiede aiuto, anzi riconoscere di essere in difficoltà è una risorsa, un punto di forza.

 

 

 

 

 

 

Per amore ho dimenticato i miei bisogni

Ci può essere un momento nella storia di una coppia in cui si avverte l'insoddisfazione e la tristezza, viene a mancare la  gioia, il desiderio, la progettualità che avevano caratterizzato i primi tempi.
A qualche livello si capisce che non si riesce a comunicare, la delusione inizia ad emergere con una certa frequenza.
Se ci si domanda che cosa sta succedendo si percepisce che alcuni bisogni non sono soddisfatti, come il bisogno di vicinanza, di condivisione.

Dove è finito l'entusiasmo dei primi tempi?
La voglia di condividere e di trascorrere del tempo insieme?

Forse puoi pensare che succede solo a te e se ne parli con un'amica forse non ti capisce.
Ti puoi chiedere:

"Perché mi lamento? ho tutto!
Lui mi vuole bene, dice di amarmi come il primo giorno!
Che cosa mi succede?
Forse avrei bisogno di condividere più cose... ma lui, deve lavorare tanto, sono io che non so dare valore a quello che lui mi offre!"

Ti senti sola, sempre più triste, stanca, smetti di sorridere, ma continui a giustificarlo anche quando alza la voce, ti risponde male, lui è stanco, lavora tanto.
Giorgia, Giovanna Maria, quante storie diverse ma unite dalla rassegnazione, dalla solitudine e dal senso di colpa perché non ci si sente una moglie sufficientemente buona.
Un giudice severo interiorizzato, invita a tollerare le difficoltà!

"Non sono abbastanza forte, perché ho bisogno di attenzioni, ma dovrei capire che lui è fatto così, ormai l'ho sposato"

dice Gianna con lo sguardo basso di chi si vergogna.

Se ripercorriamo la loro storia sentimentale, queste donne, nelle relazioni, hanno sempre accantonato e dimenticato i loro bisogni, piccoli e grandi, annullando una parte di sé, perché lo amavano tanto.

"Quando si ama, si fa tutto con piacere e leggerezza".
Come afferma Marta, quarantenne molto sofferente per l'abbandono del compagno, dopo anni di convivenza e la nascita di un figlio.

Si deve sempre dare la giusta importanza ai vissuti emotivi, se ti senti triste una ragione c'è, se non riesci a capire, pensa che in alcuni momenti può capitare di sentirsi un po' confusi.
Il colloquio psicologico può aiutare a capire, a fare chiarezza nel proprio mondo interiore,

per trovare la strada della propria serenità, una strada che passa attraverso una maggiore consapevolezza di sé e delle proprie risorse.
Non lasciar scorrere i mesi, gli anni, stare bene è un diritto di tutti, prenditi cura di te.

Contatti

Telefono
+39 338 892 13 99

Linkedin







I problemi di coppia

Sofferenza fisiologica

In tutte le relazioni di coppia esiste una quota di sofferenza.
Spesso capita di sentirsi soli nonostante si sia in due, mentre  a volte si ha la sensazione di non essere amati dall’altro come si vorrebbe.
L’esperienza della sofferenza nella relazione con l’altro è fisiologica, poiché è legata al fatto che ciascuno di noi è separato da ogni altra persona da una distanza che inevitabilmente rende  diversi.
Perciò  succede che l’altro non sempre condivida le nostre emozioni, oppure che non soddisfi bisogni per noi significativi.
La cosa veramente importante è riuscire ad integrare questa quota di sofferenza con una quota di soddisfazione per la nostra soggettività e per la nostra autonomia, in una costante ricerca di dialogo con la soggettività dell’altro.

Quando cominciano i problemi

In molte coppie può capitare che in uno dei componenti od in entrambi il livello di sofferenza superi il limite di guardia, cioè che la percentuale di serenità e di soddisfazione nella relazione con l’altro sia in netta minoranza rispetto al senso di solitudine e di infelicità.
Questo squilibrio può verificarsi in maniera quasi improvvisa, a seguito di eventi traumatici come per esempio  un lutto familiare, ma più spesso si tratta di una condizione che silenziosamente ma inesorabilmente si struttura nel corso del tempo.
In questi casi la sofferenza delle persone coinvolte resta il più delle volte celata agli occhi di parenti ed amici, ma nondimeno scava solchi profondissimi nel mondo interno e relazionale.

Quale disagio

La sofferenza nel rapporto di coppia, qualsiasi contenuto abbia, è la conseguenza di un disagio che merita di essere ascoltato, compreso e,  se possibile, affrontato.
Il disagio può riguardare la sfera dei contenuti intrapsichici delle singole persone, ad esempio il mancato riconoscimento dei propri bisogni fondamentali, così come può essere riferito al campo relazionale, ad esempio la difficoltà a comunicare con l’altro/a in maniera chiara ed empatica.
Nella pratica clinica risulta evidente che il piano intrapsichico ed il piano interelazionale si intersecano continuamente, dando vita al disagio di  “quella” coppia che evidentemente è molto di più della sommatoria delle personalità dei due componenti, poiché i contenuti dell’uno/a vanno a determinare i contenuti dell’altro/a, spesso incastonandosi in situazioni che si autoperpetuano, senza una via d’uscita percepibile.
Nei casi più gravi la relazione di coppia si costituisce come relazione perversa,  una relazione dove un componente esercita sull’altro un abuso fisico, psicologico o sessuale, in un gioco mortifero tra vittima e carnefice dove spesso chi lo agisce non ha che una vaga  consapevolezza di quanto sta accadendo.
Molte persone segnate dalla sofferenza del rapporto di coppia sono portate a pensare che non ci sia rimedio alla loro condizione, ma questo non corrisponde al vero.

Come uscirne

La sofferenza crea inevitabilmente isolamento, accompagnato da una sensazione di scoraggiamento che porta a pensare che non c’è niente da fare e che  sarà sempre tutto uguale.
Tuttavia, in ciascuno di noi c’è una componente interna che nessuna condizione riuscirà mai a spegnere del tutto: il desiderio di vivere una vita di affetti, di sintonia con le altre persone, di libertà interiore.
Facendo leva su questa risorsa interna, ogni persona può verificare che esistono delle alternative alla sofferenza.
Una di queste è autorizzarsi ad una consultazione  con una psicoterapeuta per  orientarsi e capire cosa sta succedendo, per poi decidere autonomamente se e come procedere.
Per fare questo è necessario tollerare la necessità di chiedere aiuto ad una persona che non si conosce, inizialmente estranea ma in grado di garantire due cose determinanti: l’ascolto e la parola.
L’ascolto, tra le altre cose,  permette di prendersi sul serio, condividere e comprendere le emozioni, mentre la parola consente di essere protagonisti di un lavoro di conoscenza, stimarsi come portatori di contenuti importanti, prendersi cura di sé.